mercoledì 21 dicembre 2016

Che fine farà il PRU di Pieve Emanuele?


















Come facciamo periodicamente, torniamo ad occuparci del Piano di Recupero Urbano di Pieve Emanuele (quartiere di Via delle Rose).

Nelle settimane passate, il Portavoce del M5S Pieve Emanuele - Gregorio Mammì - ha presentato una nuova interrogazione (https://goo.gl/FzVtUp) per chiedere informazioni sull'evolversi della vicenda, che a differenza di quanto promesso dal Sindaco nella campagna elettorale del 2012, non si è risolta in pochi mesi.

In particolare, l'interrogazione concentrava l'attenzione su:


IL POSSIBILE INCASSO DELLE FIDEJUSSIONI 
Le fidejussioni sono delle “garanzie” date al nostro Comune, prestate da istituti bancari, con cui la Regione e le sue società partecipate si sono impegnate ad eseguire le opere dell'Accordo di Programma di Recupero del quartiere.
Nonostante sembri chiaro che Regione, e le sue società partecipate, non siano in grado di iniziare e portare a termine le opere previste dall'Accordo con il Comune, non si capisce perchè non si proceda all’incasso delle fidejussioni in possesso del Comune.
Nel caso dell’Accordo si parla di una cifra di parecchi milioni di euro che, se incassati dal Comune e destinati al quartiere, potrebbero farlo rinascere!
Di conseguenza, però, dovrebbe esserci una presa d’atto circa l'impossibilità di Regione Lombardia di rispettare l’accordo e di iniziare e terminare le opere previste.
L'nno scorso, il Sindaco dichiarò che aveva "ribadito ad ALER e Regione Lombardia la valutazione circa l’avvio, qualora entro breve non si procederà con gli atti concreti, della procedura di escussione delle fidejussioni attive”.
Quest'anno invece la CLAMOROSA RETROMARCIA: come si legge nella risposta del Sindaco (https://goo.gl/eKKNSU ) la posizione si è parecchio ammorbidita e viene dichiarato che "fintanto si svolgeranno incontri di segreteria tecnica...non si ritiene di procedere con le escussioni".
Motivazioni a noi incomprensibili, dato che questi incontri si tengono da anni e non hanno ancora prodotto qualcosa di tangibile.

LA POSSIBILE REALIZZAZIONE DI UNO SCAVO INTORNO AL PERIMETRO DELL'AREA
Viene confermata la proposta agli Enti di una realizzazione di una "trincea". Questa idea non ci piace e sarebbe un ulteriore elemento di bruttura dell'area.

LA COPERTURA FINANZIARIA DEL PIANO
A precisa domanda, non viene dato alcun cenno di risposta circa la copertura finanziaria per la realizzazione delle opere previste del Piano. Quindi, al momento, di cosa parliamo?

La risposta dell'Amministrazione Comunale, che si può leggere qui https://goo.gl/eKKNSU, quindi, lascia ancora numerosi dubbi, chiarisce ben poco e non da ancora una volta alcun riferimento circa l'avvio e la conclusione del piano.
Per concludere, il M5S Pieve Emanuele, come nel 2015, chiede l'apertura di un tavolo di lavoro aperto che coinvolga cittadini, comitati e forze politiche (tutte) e chiede - in assenza di un cronoprogramma certo - l'avvio del procedimento di escussione delle fidejussioni attive.

Nessun commento:

Posta un commento

I portavoce del MoVimento 5 Stelle Pieve Emanuele augurano a tutti i cittadini un sereno Natale ed un Felice 2019

I portavoce del MoVimento 5 Stelle Pieve Emanuele augurano  a tutti i cittadini un sereno Natale ed un Felice 2019.    Nel nuovo anno cont...