lunedì 5 settembre 2016

Appalti Pievesi..2015




























L'anno scorso ci siamo occupati di fornire un report (http://goo.gl/GHMu2x) sulla tipologia degli appalti affidati a imprese private dal Comune di Pieve Emanuele nel 2014. Dall'analisi si era potuto riscontrare che circa l'85% delle procedure svolte dagli uffici erano riconducibili ad "affidamenti diretti" ovvero procedure senza una reale "gara" "competizione" per aggiudicarsi l’appalto tra le migliori aziende private del settore.

Anche quest'anno abbiamo voluto provare di nuovo a controllare i dati messi a disposizione dall'Ente (http://goo.gl/7JhB07):
Gli appalti analizzati (312) sono solo quelli che riportano come data di inizio l'anno 2015 (abbiamo quindi escluso eventuali regolarizzazioni relative all'anno 2014).
Dagli appalti abbiamo sottratto spese come corsi di formazione, collocamento anziani, supporto educativo o affidamenti di minori (su cui torneremo in futuro) per la loro peculiarità.
Escludendo le spese descritte sopra si può notare (http://goo.gl/YZUNHH) che l’Amministrazione Comunale, nel corso del 2015, ha avviato circa 248 procedure per circa 5 milioni di euro di cui 214 (circa l’86%) aggiudicate con “Affidamento in Economia - Affidamento Diretto”, quindi in maniera discrezionale. Dall’elenco degli appalti si possono leggere numerose procedure che riguardano attività identiche che, però, stranamente sono spezzettate in più procedure durante l’anno. Si può notare, inoltre, come alcune imprese - ormai da anni - continuino a beneficiare quasi costantemente di "affidamenti diretti". 

Pertanto, anche quest’anno ci troviamo a dichiarare pubblicamente che non ci ritroviamo in questo modo di gestire l’amministrazione pubblica. Ribadiamo che un tale dispendio di risorse (umane ed economiche) per imbastire decine e decine di affidamenti diretti (che dovrebbero essere l’eccezione in caso di reale urgenza) sono controproducenti per un Ente quando, per accellerare i tempi di intervento, spesso vengono saltati dei passaggi previsti dalla Legge, come è emerso a maggio con il richiamo dell’Autorità Nazionale Anticorruzione al nostro Comune (http://goo.gl/4OvQi4), o come già emerso nel 2014 (http://goo.gl/CnkcWs).

Auspichiamo per il futuro l’abbandono dell’ "amministrare per emergenza", la programmazione delle attività e conseguentemente degli appalti, la riduzione delle procedure di "affidamento diretto" in favore delle "procedure aperte" garantendo veramente i principi di trasparenza, partecipazione e pubblicità e dando la possibilità di partecipare alle gare a più imprese possibile.
Siamo sicuri che tale "competizione", anche se di poco, abbasserebbe i prezzi di aggiudicazione e di conseguenza la spesa del Comune (e di noi cittadini).

Nessun commento:

Posta un commento

I portavoce del MoVimento 5 Stelle Pieve Emanuele augurano a tutti i cittadini un sereno Natale ed un Felice 2019

I portavoce del MoVimento 5 Stelle Pieve Emanuele augurano  a tutti i cittadini un sereno Natale ed un Felice 2019.    Nel nuovo anno cont...